Seleziona una pagina

Prende vita il network in vista della nuova programmazione comunitaria 2014 – 2020. Nel segno del turismo sostenibile
“Partendo dal presupposto che l’offerta turistica di un territorio debba essere gestita in modo professionale fin dalla sua nascita, per essere opportunamente comunicata prima e venduta poi, senza ridursi all’ultima ora, cosa che l’esperienza ha mostrato non essere mai altamente produttiva, abbiamo pensato di dar vita a RTR – Rete Turistica Rurale, una iniziativa appositamente strutturata, che si doterà degli elementi necessari per dare nuovo slancio al turismo delle Aree Interne”.

È quanto ha dichiarato Stefano Landi, Presidente di SL&A Turismo e Territorio, promo del progetto che intende riunire, in vista della nuova programmazione comunitaria 2014 – 2020, sia i Gruppi d’Azione Locale (GAL) che operano nei vari territori nazionali sia i professionisti del turismo che operano al loro interno (animatori, comunicatori, esperti di marketing, ecc.) per una sinergia capace di dar vita ad un prodotto turistico fruibile e commerciabile.

La Rete ovviamente è aperta ad ogni contributo e potrà contare anche sulla collaborazione di specialisti provenienti dai diversi settori collegati. Attraverso il dialogo e il lavoro costante, RTR vuole interagire con tutti gli attori della filiera del turismo e le istituzioni coinvolte nella creazione del prodotto turistico.

La Rete RTR intende quindi raggiungere e stimolare anche le Amministrazioni e le imprese, al fine di coordinare una capillare adozione di misure capaci di attivare i flussi turistici e di captarne i benefici che sono, in ultima analisi, quelli derivanti da un turismo sostenibile: da un punto di vista economico, ambientale e sociale. Un turismo in grado di generare ricchezza e legami sociali, ma che sia anche rispettoso degli equilibri dei territori che interessa. Un turismo che sappia comunicare in un modo attuale per non retare ai margini del mercato

“Per questi motivi, ha aggiunto Landi, nasce RTR, una rete concepita come alleanza tra i GAL italiani e i professionisti del turismo, un gruppo di lavoro che ha già un forum online (un gruppo all’interno di Facebook) e che si salderà ulteriormente in occasione della BTO – Buy Tourism Online, il 2 e il 3 dicembre a Firenze. Sarà un incontro importante, all’insegna della condivisione delle esperienze e dell’innovazione, sia nei contenuti sia nei media utilizzati per comunicarli. Al centro dell’incontro, i temi del turismo rurale, attivo, sportivo, del benessere e delle aree protette. Oltre che, ovviamente, dell’identità e della marca locale, e del legame stretto con le produzioni enogastronomiche dei territori”.

Per aderire all’iniziativa o aver ulteriori notizie sul progetto basta inviare una e-mail all’indirizzo [email protected]

I primi aderenti a RTR Rete Turismo Rurale potranno partecipare gratuitamente a BTO 2015.