SL&A - turismo e territorio
SL&A - webzine
Attività di SL&A

Osservatorio

Analisi e aggiornamenti sul mercato, la domanda e l'offerta turistica rurale.

leggi tutto

I nostri servizi

Osservatori, ricerche di mercato, piani di marketing, prodotti turistici, piani territoriali, piani strategici, piani di fattibilità, monitoraggio progetti.

leggi tutto

Il nostro blog

"Turismo e Territorio" è il nostro blog dedicato ai temi che ci appassionano: lavoriamo anche "per un buon turismo scritto e parlato".

vai al blog

C’è un filo preciso che lega la bella puntata di “Petrolio” del 8 settembre ad una riflessione iniziata in RAI a dicembre 2013 con le puntate monografiche che andavano sotto il nome di “12 idee per la crescita”: un filo a cui ho avuto l’opportunità di contribuire anche io.

Dopo tanti pianti sul “muro crollato” di Pompei (parafrasi neanche tanto spiritosa del “latte versato”), il filo conduttore comincia da qui: se non ci sono soldi, tutti i soldi che servirebbero per acquisire e restaurare e conservare tutti i beni culturali che abbiamo in Italia (soldi infiniti, a ben vedere), come si fa?

I soldi non sono solo pubblici,  dello Stato, e non passano solo dal Ministero: questa è una visione retrograda e “sovietica” che si scontra con tutto, ormai. Tranne che con un manipolo di combattenti e reduci, asserragliati in qualche Soprintendenza. 

I soldi, però, sono nell’economia e nella società: nel mecenatismo (Ercolano), nelle imprese (Colosseo), nelle tasche dei cittadini residenti ma soprattutto in quelle, più capienti, dei turisti.

Ma i beni culturali (ed i  loro “Conservatori”), per raggiungere il fine ultimo della conservazione, devono accettare un po’ di purgatorio della “valorizzazione”, che letteralmente vuol dire fare ricavi e non generare solo costi.

Tutti sono capaci di indignarsi e reclamare a gran voce fondi pubblici, molti di meno sono disponibili a perdere un po’ di verginità e ad andare a cercare i ricavi dove essi sono, ad esempio lavorando sul prodotto (“che cosa proponiamo oltre alla contemplazione?”), sui tempi di apertura (che devono inseguire il pubblico, e non frustrarlo), sui prezzi (uguali per tutti è sovietico, revenue management è contemporaneità).

In Petrolio queste cose si ritrovano tutte, e tante altre. Certo, divulgate e sdrammatizzate (vedi i cameos di marco Presta), ma almeno, per una volta, dette al pubblico in una fascia oraria non impervia. Complimenti. 

 

Tweets di Stefano Landi - Presidente di SL&A

  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • cliente SL&A
  • elenco clienti completo